Arte PaRDeS
Mille ore in Carcere
Condividi su:

Mille ore in Carcere

L’incontro con Anna Maria Corradini si inserisce a pieno titolo all’interno della mostra La Cura. Il suo percorso culturale e professionale assicura l’approfondita e qualificata conoscenza di modelli teorici ed etici finalizzati all’intervento, di strategie e tecniche di comunicazione e di azione e competenze relazionali, logiche e argomentative necessarie all’attività di consulenza filosofica. Anna Maria Corradini illustrerà la sua esperienza come consulente filosofica nelle carceri del Nord Est da cui è nato il libro Mille ore in carcere (Diogene Multimedia, Bologna 2022), attraverso un dialogo con il pubblico presente, a partire dalla prospettiva inedita di carcere, maturata attraverso la ricerca ed il lavoro sul campo. Il tema della giustizia incrocia inevitabilmente la complessa realtà del carcere dove il collegamento tra il reato e l’espiazione della colpa quasi mai produce l’esito atteso del pieno reinserimento del detenuto nella società. Il carcere viene normalmente pensato come un luogo estraneo da espungere dal territorio e colpito dallo stigma sociale, confinato dietro i muri che ne impediscono la vista e la conoscenza. Osservato dall’interno il carcere assume tutt’altri contorni sui quali “vale la pena” riflettere e stimolare il pensiero oltre le sbarre del modello retributivo della pena verso forme di convivenza rigenerativa.

L’intervento sarà preceduto e concluso da una performance musicale di Letizia Scarpa al clarinetto, Sergio Lasaponara alla tastiera e Federico Covre al violoncello.

Anna Maria Corradini, dopo trent’anni di insegnamento, nel 2009 consegue il Master universitario II° livello di Consulenza filosofica Ca ‘Foscari, curato dal Dipartimento di Filosofia e Teoria delle Scienze e coordinato dal prof. Luigi Perissinotto. Prof. Umberto Galimberti tutor universitario del tirocinio, svolto presso l’Assessorato alla Cultura del Comune di Mirano. Dal 2015, con Protocollo firmato dal PRAP di Padova, porta la Consulenza negli Istituti Penitenziari del Triveneto, a dipendenti e detenuti. Dal 2020 è membro, come Accademica Pontificia, del Dipartimento analisi studi e monitoraggio dei fenomeni criminali e mafiosi, della Pontificia Accademia Mariana internazionale presso la facoltà della Accademica Università Antonianum di Roma. Fonda nel 2016, l’associazione Eu-topia Aps di cui è Presidente. E’ stata invitata al Festival della Filosofia e della Parola di Modena Carpi e Sassuolo il 17 settembre 2022 a tenere un laboratorio filosofico dal titolo Evasioni filosofiche. www.annamariacorradini.com

Letizia Scarpa, si laurea nel 2020 presso il conservatorio “J. Tomadini” di Udine, sotto la guida del Maestro Davide Teodoro. Durante il percorso di studi ha frequentato varie masterclass internazionali con Maestri di grande fama come Hans Colbers, Fabio di Casola e Nicola Bulfone. Successivamente partecipa ad un corso annuale di alto perfezionamento nel 2020/2021 presso l’accademia Farandola di Pordenone con il maestro Vincenzo Paci. Studia regolarmente con il maestro Fabrizio Meloni dal 2020 frequentando masterclass annuali presso l’accademia “Colibrì ensamble” di Pescara e “Milano music Master”. Attualmente continua il percorso di studi specializzandosi in “didattica della musica e dello strumento” presso il conservatorio “J. Tomadini” di Udine e in Clarinetto presso il conservatorio di Reggio Emilia sotto la guida del maestro Giovanni Picciati.

Sergio Lasaponara, diplomato in pianoforte al Conservatorio ’B. Marcello’ di Venezia ed in Accordatura Strumenti a Tastiera presso il conservatorio ‘F. Venezze’ di Rovigo, prosegue gli studi musicali con Lia Levi Minzi (Clavicembalo) e Luigi Michieletto (musica da camera). Ha frequentato i corsi per Maestro Sostituto (M.o Enza Ferrari), di direzione di coro (M.o G. Mazzuccato), direzione di banda (Giuliano Moser, Daniele Carnevali, Carlo Pirola, J. R. P. Vilaplana, Jacob de Haan, ecc.), direzione d’orchestra (Francesco Mander e V. Tchiftchhan) diplomandosi in Direzione d’orchestra presso l’Accademia Superiore di Musica di Pescara con il M.o Donato Renzetti. È stato direttore artistico del XXVI° Pordenone Music Festival, attualmente è docente di Pianoforte Principale all’Istituto Musicale “Clara Schumann” di Castagnole (TV) e dell’Accademia “G. Verdi” di Venezia, direttore dell’Orchestra Concentus Musicus Patavinus di Padova e direttore ospite dell’Orchestra Filarmonica di Trento.

Federico Covre si laurea presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia con il massimo dei voti sotto la direzione del maestro A. Zanin. Frequenta numerosi corsi di formazione e perfezionamento con A. Zanin e A. Campagnaro. Partecipa inoltre a prestigiose MasterClass: con il noto violoncellista A. Meunier, Guy Johnston, Stefano Cerrato, Fabio di Casola e la compositrice Yasuko Yamaguchi.
Si qualifica nei Concorsi violoncellistici nazionali ed internazionali delle città di: Trento, Piove di Sacco, Verona e Palmanova. Attualmente studia con Vittorio Ceccanti ed è iscritto ai corsi annuali di alto perfezionamento presso la Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro tenuti da Damiano Scarpa.

Fa parte della mostra: La Cura

Ultimi Articoli

18 Ottobre 2022

Confini

7 Ottobre 2022

PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea

6 Ottobre 2022

Diciottesima edizione della giornata del contemporaneo.

28 Settembre 2022

RAN-CURAR. La cura è vita

20 Settembre 2022

Sull’odio e le ostilità

15 Settembre 2022

La madre di Dietrich. Lettura scenica del testo di Giuseppe Bovo